Cibus in Itinere. Terza tappa.

Cibus in itinere continua il suo percorso con le rotte del cibo. Dalle asperità delle montagne e dalle dolcezze delle colline si arriva fino alla pigra staticità della laguna, che spinge poi a osare il mare aperto, con i suoi profumi e le sue fascinazioni. Le rotte che partivano da Venezia e che raggiungevano tutto il mondo allora conosciuto , hanno portato tesori gastronomici preziosi e di immenso valore. In laguna pesci di acqua salmastra come le anguille, cefali e branzini, che ancora oggi sono allevati nelle valli chiuse, dove vengono nutriti naturalmente e pescati con saggezza. Dalle lagune arrivano anche i frutti di mare come le vongole e le cozze (i peoci) che si abbarbicano tenaci sulle bricole dei sentieri d’acqua. E i pescatori solitari le usano per invogliare le alicette ad abboccare nel tratto di mare che si fonde con la quiete calma dell’acqua dolce. E sulle rive sabbiose, doni di rara squisitezza come caparossi e capelonghe, mentre i garusoli si impigliano sulle reti gonfie di sgombri e sardine che le barche colgono nel sonno con le lampare. Più su, più al Nord, ecco trovare banchi di seppie grasse che fanno staffetta con i calamari, in attesa di entrare nei canali di pesca più freddi dove i merluzzi diventeranno “bacalà”. Le preparazioni degli chef delle Buone Tavole dei Berici si ispireranno allora a questo nuovo habitat, inventando contaminazioni e connubi con le verdure, dalle freschezze del finocchio e del radicchio di Treviso fino alla consistenza delle patate e alla sapidità dei fagioli e delle lenticchie. Per unire Nuovo e Vecchio Mondo nell’abbraccio di una cucina senza tempo. Il menu, come di consueto, sarà a sorpresa, scandito solo dalla bontà e dalla scoperta dei sapori di piatti ricchi di gusto e di poesia, mentre con la fantasia si viaggerà sulle rotte dei Vichinghi, a scoprire Terre e Mondi nuovi. .Appuntamento dunque il 1° marzo all’Antica Trattoria Al Sole di Castegnero, dove il titolare Roberto Berno, insieme a Gino Gasparella del Piccolo Mondo di Zovencedo, Monica Gianesin della Trattoria Albergo Isetta di Grancona e Giuseppe Zamboni della Trattoria Zamboni di Lapio, mescoleranno e spariglieranno le carte, creando così uno scambio continuo, non solo di materia prima ma anche di idee e di esperienze.

locandina_laguna-marvichingo