Dall’uovo alla piuma: i sapori della cacciagione e dell’aia

Il menu che il 21 novembre viene proposto alla Trattoria Albergo Isetta di Val Liona è una ricerca di gusti e sapori che del territorio fanno parte integrante. Si va dal fagiano in pralina su sugolo di uva fragola all’insalata di tacchinella con l’immancabile melograno, ma arricchita anche di noci e di cavolo nero. Castagne e chiodini per la zuppa di gallina che precede il risotto alla veneta con zucca e rigaglie e il ricco tortello di starna e funghi barboni. Ancora cacciagione, un ingrediente molto diffuso nelle terre vicentine, con la pernice disossata e ripiena di maiale e di castagne (frutto autunnale per eccellenza) abbinata al radicchio di campo e poenta onta. Un piccolo intermezzo aromatico: sorbetto al pompelmo rosa e pepe verde, per arrivare alla pralina di castagne (ancora loro!), cioccolato bianco, spuma di patata americana e salsa di cachi. Chiude in bellezza una crema dolce di polenta, con confettura di mela cotogna, uvette e fichi secchi.