Marzo in cucina.

Marzo è un mese cuspide. E’ il mese dei boccioli sugli alberi, delle giornate che si allungano, del ritorno dell’ora legale, della frutta e della verdura di stagione da portare in tavola. Proprio perché a metà tra due stagioni, infatti, la tavola di marzo è un mix tra i prodotti dell’inverno e quelli primaverili da inserire assolutamente nella lista della spesa, perché preparano l’organismo ad affrontare i mesi che verranno. Se i banchi dei mercati continuano a proporre cavoli, broccoli e verze, arrivano, finalmente, le verdurine fresche. Marzo è sicuramente il mese degli asparagi.In vendita proprio a partire da marzo, sono i veri annunciatori della bella stagione. Sono buonissimi cotti al vapore con un condimento leggero di uova, alla Bassanese, oppure solamente con olio e limone. Non devono, poi, mancare i pisellini freschi che, come tutti i legumi, sono ricchi di proteine. Anche gli spinaci sono ortaggi tipici della bella stagione. Sono ottimi cotti in acqua e conditi con olio, limone e parmigiano. Oppure saltati in padella con una noce di burro. Tipica della stagione primaverile anche la barba del frate, nome scientificoagretti. Con le foglioline lunghe e sottili dal colore verde brillante e dal sapore leggermente amarognolo, questi ortaggi primaverili si trovano solo da marzo a maggio e sono davvero preziosi in cucina grazie alle loro proprietà depurative e rinfrescanti. Nelle frittate, con la pasta o semplicemente lessi sono solo alcune idee per poterli gustare al meglio.