W le Donne!

Non sarà certo la più facile Giornata della Donna della storia. Ma sicuramente sarà molto ricordata. Non solo perché l’incubo conoravirus sta cambiando (e ha cambiato) le nostre abitudini: basta feste per sole signore con spogliarellisti nei locali del centro, non più party a tema o happening in città. La Festa della Donna rappresenterà ancor più  un punto fermo, un valido motivo di riflessione e di meditazione. Oggi forse più che mai. Un pensiero va a tutte le donne che stanno lavorando incessantemente ad arginare il contagio, a quelle che stanno curando i pazienti infetti o semplicemente si stanno preoccupando per la salute dei propri cari, mariti, figli o genitori anziani che siano. Un grande abbraccio virtuale  – politically correct – a tutte le donne che in questo momento difficile sanno tenere la rotta e affrontare con lo spirito giusto l’emergenza. Nel modo che solo le donne da millenni sanno fare. Con pazienza, forza, determinazione, generosità e saggezza. W le Donne!