Natale nella cucina veneta.

Nelle tavole venete imbandite a festa, non può mancare il fegato alla veneziana, che consiste in un secondo piatto a base di bocconcini di fegato cotti a lungo assieme alla cipolla. O le sarde in saòr, condite anche qui con della cipolla, unita a pinoli e uvetta, che acquistano un sapore agrodolce. Principe della tavola resta il baccalà mantecato, che spesso anticipa i tortellini in brodo di cappone, il quale si presenta poi in tavola, lesso, accompagnato con il cren o la pearà. Faraona ripiena o rotolo di arrosto sono secondi perfetti, che vengono abbinati alle erbette cotte “in tecia” e alle patate al forno. Mascarpone e mostarda finchè si aspetta il pandoro. Un brindisi con le bollicine e un goccetto di Vin Santo chiudono il pasto, a fianco del mandorlato.