2021. L’anno delle certezze.

Dopo che ci siamo lasciati alle spalle un 2020 funestato da una pandemia che non accenna a finire, iniziamo il 2021 nel segno della speranza ma, soprattutto, di alcune certezze.

La prima è che Le Buone Tavole dei Berici non perdono la loro caratteristica di ristoranti aperti nel segno della tradizione e della cura alla clientela.

Le Buone Tavole si sono messe in gioco, attraverso gli strumenti del delivery e dell’asporto per poter assicurare ai propri frequentatori la possibilità di gustare piatti e preparazioni accurate, realizzate con passione e abilità, seguendo il percorso delle stagioni.

Un’altra certezza è che Monica Gianesin della Trattoria Albergo Isetta, Giuseppe Zamboni della Trattoria Zamboni, Davide Pauletto delle Vescovane, Renato Rizzardi de La Locanda di Piero e Roberto Berno dell’Antica Trattoria Al Sole, non si sono mai adagiati sugli allori, ma hanno sempre lavorato per mantenere e progredire il loro lavoro in cucina, in vista di una ripresa alla quale intendono aderire al massimo.

Un anno che presenta un futuro per molti versi ancora incerto, ma che alla fine di questa dolorosa e impegnativa prova di vita, saprà ritrovare un gruppo di professionisti più vivo e più attivo che mai, deciso a far dimenticare con la loro opera e la loro accoglienza il brutto periodo trascorso.

Le Buone Tavole dei Berici ci sono sempre: con voi e per voi.

ph. Laila Parladore