Dalle cucine

Dall’uovo alla piuma: i sapori della cacciagione e dell’aia

Il menu che il 21 novembre viene proposto alla Trattoria Albergo Isetta di Val Liona è una ricerca di gusti e sapori che del territorio fanno parte integrante. Si va dal fagiano in pralina su sugolo di uva fragola all’insalata di tacchinella con l’immancabile melograno, ma arricchita anche di noci e di cavolo nero. Castagne e chiodini per la zuppa di gallina che precede il risotto alla veneta con zucca e rigaglie e il ricco tortello di starna e funghi barboni. Ancora cacciagione, un ingrediente molto diffuso nelle terre vicentine, con la pernice disossata e ripiena di maiale e di castagne (frutto autunnale per eccellenza) abbinata al radicchio di campo e poenta onta. Un piccolo intermezzo aromatico: sorbetto al pompelmo rosa e pepe verde, per arrivare alla pralina di castagne (ancora loro!), cioccolato bianco, spuma di patata americana e salsa di cachi. Chiude in bellezza una crema dolce di polenta, con confettura di mela cotogna, uvette e fichi secchi.

Il bollito è servito.

Il bollito e le sue salse sono il tema conduttore di due serate attese dagli amanti di questo particolare piatto, così ricco di sapori e di tradizione. Appuntamento giovedì 24 ottobre alle 20 con “A tavola con il signor bollito” alla Trattoria Zamboni di Lapio, con la cucina di Giuseppe Zamboni. Il giorno successivo, venerdì 25, la Trattoria Albergo Isetta di Val Liona dedicherà la serata al bollito della tradizione veneta con le salse fatte in casa a cura di Monica Gianesin. Un’occasione ideale per degustare una vera delizia che sa di casa e di territorio.

Cosa c’è di buono adesso?

Il caldo persistente mantiene la voglia di cibi leggeri e freschi, piatti veloci e invitanti. Niente arrosti, spezzatini, zuppe, minestre o lunghe cotture al forno: risultano vincenti le paste classiche della tradizione e le ricette facili. C’è ancora profumo di vacanza e voglia di relax. Verdura e frutta di stagione sono fra i preferiti: zucchine, melanzane, fichi, avocado, limone e frutti di bosco. Ma anche piatti di pesce e carne. Basta che siano light e poco impegnativi. Per un ideale menu di stagione ecco la pasta al pomodoro fresco con il basilico, o gli spaghetti con i frutti di mare. Sgombri e zucchine per secondo o arrosto freddo con melanzane e cotolette con panatura di mandorle e insalata di funghi freschi. Infine crostata di bosco con yogurt greco e mirtilli.