Dalle cucine

Autunno in tavola

L’autunno ci dona nuovi ortaggi e nuovi frutti, che diventano subito protagonisti in cucina. Ecco allora la zucca, declinata in ogni modo, dal salato al dolce, le mele novelle e le castagne. Preparare quindi un menu appetitoso e saporito è facile: si comincia dagli antipasti, che vedono zucca e funghi ai primi posti, come spinaci, pori e radicchio, che permettono già da soli di creare torte salate con pasta sfoglia o brisée, fagottini con pastafillo, bruschette o sformatini. Via poi con risotti, lasagne, crespelle, gnocchi o anche zuppe saporite e vellutate. Senza tralasciare i sughi per la pasta, ora più corposi e succulenti: zucca, salsiccia, funghi, gorgonzola, porri, radicchio, spesso associato alle noci. Le temperature autunnali invogliano alla degustazione di spezzatini, arrosti, brasati e intingoli: dalle scaloppine ai funghi alle salsicce in umido, dall’arrosto di vitello ai porcini all’arrosto di maiale con mele e prugne o ancora con le castagne. Ottima l’anitra arrosto per la festa della Madonna del Rosario e la paeta al malga ragno, la classica tacchinella con il melograno. Se si preferisce il pesce, adesso è tempo di guazzetto con polipi e moscardini, oppure tombarello al sugo o bacalà alla vicentina. Se il forno è stato acceso per un arrosto, ecco che diventa l’occasione per cuocervi anche una teglia di verdure gratinate: porri, zucca, radicchio, patate, carote. I funghi poi diventano il contorno perfetto se cotti in tegame e, specialmente se porcini, cotti sulla piastra come il radicchio. Ottimi anche i finocchi, le prime verze, i cavolfiori e i broccoli. Quanto ai dolci, per chi ama le torte autunnali, c’è solo l’imbarazzo della scelta: con le mele si possono realizzare tantissime preparazioni. Ancora la zucca, che non solo si può usare per crostate, torte soffici o morbidi muffin, ma può essere cotta direttamente a fette e poi mangiata insieme alle patate dolci, le patate americane.

Di nuovo insieme. A tavola.

Menu leggeri, a volte rivisitati, più spesso ideati ex novo. Questa è l’offerta dei ristoratori delle Buone Tavole dei Berici, che interpreteranno la cucina di primavera in nuove chiavi di post lockdown. Ritrovarsi a tavola è un piacere prezioso, che abbiamo avuto modo di apprezzare nuovamente grazie alle restrizioni. La tavola è un collante unico e l’aggregazione uno degli ingredienti topici del mangiare bene. In tutta serenità e sicurezza. La nuova stagione è appena iniziata: i suoi frutti migliori devono ancora essere colti.

Festa della Mamma.

Mai come quest’anno gli affetti hanno un ruolo importante nel nostro vivere quotidiano. Alcuni sono imprescindibili e rappresentano le colonne della nostra esistenza. Come l’affetto per la propria mamma, ad esempio. Di qualunque età sia e qualunque età noi abbiamo, la figura materna rimane sempre un punto di riferimento, un piccolo sole che ci illumina il cammino. Qualcuno ha già visto la propria mamma andarsene, per malattia o per caso della vita, qualcuno ce l’ha lontana, qualcun altro deve sorreggere i suoi passi nell’ultimo tratto del suo viaggio. O ha la fortuna di averla ancora al proprio fianco. Per ogni mamma c’è un posto speciale nei nostri cuori e ogni mamma merita di essere festeggiata. Anche con un pranzo speciale, dedicato a lei, che i ristoratori delle Buone Tavole propongono anche per asporto. Un pensiero di affetto, per una giornata di festa, grazie ai menu di Antica Trattoria Al Sole, Trattoria Albergo Isetta, La Locanda di Piero, Le Vescovane, Trattoria Zamboni.