homepage

Una nuova stagione. Una nuova squadra.

CUCINA_CUOCHI2

Le Buone Tavole dei Berici si stanno preparando ad una nuova stagione di incontri, che si prefigurano intensi e ricchi di significato, nel solco delle precedenti rassegne – dove tradizione e cultura enogastronomica sono le vere protagoniste – ma sempre con uno sguardo rivolto al futuro, nell’ottica di una ricerca e di un adeguamento alle nuove ragioni della cucina moderna e ai nuovi interessi della clientela d’oggi. I preparativi sono in atto. Come la squadra, che si rinnova e si completa con nuovi elementi per allargare i propri orizzonti, entrare in altre dimensioni e provare nuove esperienze. Sempre nel segno dell’unità e del reciproco rispetto.

Il Veneto è la prima regione turistica d’Italia.

piazza-san-marco

Il Veneto è risultato essere la prima regione turistica d’Italia e la sesta d’Europa. Un dato emerso dalla relazione stilata a quattro mani da Mara Manente, direttrice del Centro internazionali di studi sull’economia turistica (Ciset) che fa capo all’Università Ca’ Foscati di Venezia, e Stefano Marchioro, responsabile del settore Progetti territoriali e governante del turismo regionale del Veneto. Nei dati emrege che nel 2017 il Veneto ha registrato 19,2 milioni di arrivi (+7,4%) e 69 milioni di pernottamenti (+5,8%), conquistando il primato italiano cn il 16% degli arrivi e delle presenze totali. I flussi turistici si sono concentrati nelle prime 50 località turistiche del Veneto, che hanno intercettato il 90% dei visitatori, generando una spesa di oltre 17 miliardi di euro, cioè una somma che supera di gran lunga quella di comparti economici vivaci come agricoltura, agrifood e moda. Secondo i dati del Ciset, in Veneto il turismo (sommando anche la nuova branca del turismo enogastronomico) vale il 10% del Pil e il 18% dei consumi interni, ma anche e soprattutto mezzo milione di posti di lavoro

Itinerari veneti di primavera.

gruppo_esterni_2017-copia

Il Veneto è la Regione ideale per essere mèta di ogni tipo di itinerario: è infatti una terra a molte sfaccettature, che, come un diamante, offre sempre un lato nuovo e scintillante da qualsiasi punto di vista. Per gli amanti della natura si possono trovare molti ambienti vari e diversi tra loro dove ammirare paesaggi incantevoli, rilassarsi e fare passeggiate all’aria aperta. Dal mare al lago, dalla campagna alla montagna, passando per colline incantate ricche di fascino e di storia. In primavera, poi, le attività sportive diventano outdoor e si intensificano le occasioni per praticare qualche attività: passeggiate, escursioni in mountain bike o a cavallo per colline e campagne, alla scoperta del territorio. Senza dimenticare gli sport acquatici, come canoa e winsdurf sui laghi veneti, oppure birwatching, unito al trekking. Il Veneto è famoso anche per la sua enogastronomia che trova spazio in numerosi e affascinanti itinerari fra le Cantine e i sapori tipici regionali. La primavera diventa perciò un momento ideale per fare scouting, andando alla scoperta di nuovi prodotti che saranno perfettamente abbinati a quelli più conosciuti e rinomati. E così si entra anche negli itinerari d’arte, dove le città venete fanno a gara per essere scelte e visitate, tante le offerte e le proposte sono molteplici e interessanti. Dal più piccolo borgo, semisconosciuto al grande pubblico fino alla grande Venezia, tutto il territorio freme e pulsa di bellezze artistiche e architettoniche, aprendo altri spazi culturali con mostre, convegni, incontri e iniziative. Ancora un ultimo tassello per la primavera veneta la danno le terme. Gli itinerari del benessere sono diffusi in terra veneta e dalle zone vulcaniche degli Euganei si spingono fino alle acque salutari delle Piccole Dolomiti vicentine con Recoaro e le sue fonti, passando per Sirmione e Caldiero conosciute fin dai tempi degli antichi romani.