Ricette

Torta Mimosa

Per la torta Mimosa è necessario preparare due Pan di Spagna, uno sarà farcito con una golosa crema pasticcera arricchita da panna montata. L’altro Pan di Spagna occorrerà per ricavare la copertura della base: piccoli cubetti che serviranno a ricoprire la torta per creare l’effetto “mimosa”. Preparate questa torta per una serata tra amiche, per le donne della famiglia o per gustare quando più preferirete questo dolce intramontabile!

Ingredienti.
Per 2 Pan di Spagna del diametro di 20 cm : 250 g di zucchero, 140 g di farina 00, 120 g di fecola di patate, 8 uova a temperatura ambiente, 2 baccelli di vaniglia, sale qb

Per 850 g di crema pasticcera: 5 tuorli, 175 g di zucchero, 125 ml di panna fresca liquida, 55 g di amido (maizena, 1 baccello di vaniglia.

Per la crema chantilly: 100 ml di panna liquida, 10 g di zucchero a velo

Per la bagna al liquore: 150 g di acqua, 75 g di zucchero, 70 g di Grand Marnier. Per decorare: zucchero velo qb.

Per preparare la torta mimosa classica come prima cosa occorre preparare il Pan di Spagna. Assicuratevi di avere due stampi del diametro di 20 cm ciascuno e che entrambi entrino nel forno, sullo stesso ripiano uno accanto all’altro. Se così non fosse dovrete realizzare un Pan di Spagna alla volta (basterà dimezzare le dosi indicate). Preriscaldate il forno a 160° in modalità statica. Rompete le uova e ponetele nella ciotola di una planetaria e iniziate a montarle con la frusta a velocità moderata. Incidete entrambe i baccelli di vaniglia, prelevatene i semi e uniteli in planetaria insieme a un pizzico di sale. A questo punto aggiungete lentamente anche lo zucchero. Continuate a montare per circa 15 minuti fino a che le uova non saranno triplicate di volume e avrete ottenuto un composto fluido e cremoso. Fermate la planetaria e ponete un colino direttamente sopra la ciotola. Setacciate sia la farina che la fecola. e incorporatele delicatamente le polveri con movimenti dal basso verso l’alto utilizzando una spatola, per non rischiare di smontare il composto. Quando avrete ottenuto un impasto omogeneo imburrate e infarinate due stampi da 20 cm di diametro. Dividete equamente l’impasto fra le 2 tortiere. A questo punto cuocete i vostri Pan di Spagna in forno statico preriscaldato a 160°, nel ripiano più basso, per circa 50 minuti. Verificate che siano cotti facendo la prova dello stecchino, se risulterà completamente asciutto potrete sfornarli. Poi lasciateli raffreddare completamente prima di sformarli. Posizionateli quindi su una gratella così da completare il raffreddamento. Occupatevi di preparare la crema per farcire la torta mimosa. Iniziate quindi dalla crema pasticcera:incidete il baccello di vaniglia, prelevate i semi e teneteli da parte. In un tegame versate il latte, la panna e il baccello svuotato e scaldate il tutto dolcemente fino a sfiorare il bollore. Nel frattempo in una ciotola sbattete i tuorli insieme allo zucchero e ai semi di vaniglia; non sarà necessario montarli ma basterà amalgamare il tutto. Setacciate all’interno direttamente l’amido di mais e mescolate ancora. Non appena il latte sarà caldo eliminate il baccello con delle pinze da cucina e versatene un mestolo all’interno del composto di tuorli, mescolando con una frusta per stemperarlo. Versate il tutto nel tegame con il latte caldo e senza mai smettere di mescolare fate addensare la vostra a fuoco dolce. Una volta pronta, riponetela in una pirofila bassa e ampia e lasciatela raffreddare completamente, coprendo con pellicola trasparente a contatto quando la crema è ancora calda. Solo quando sarà fredda, versate la panna fresca in una ciotola, unite lo zucchero a velo e iniziate a montare con le fruste. Non appena avrete ottenuto una panna ben montata, riprendete la crema e trasferitela in un’altra ciotola. Frustate leggermente per ammorbidirla e iniziate ad aggiungere la panna. Unitene una cucchiaiata e mescolate energicamente per diluire la crema, poi incorporate la restante panna molto delicatamente muovendo la spatola dal basso verso l’alto. Coprite nuovamente con la pellicola e riponete in frigorifero a rassodare per circa 30 minuti. Nel frattempo preparate anche la bagna per la torta. Versate in un tegame l’acqua, il liquore e lo zucchero. Accendete il fuoco e mescolando scaldate lo sciroppo fino a che lo zucchero non si sarà sciolto, poi versatelo all’interno di un’altra ciotola e lasciate raffreddare. Non appena tutto sarà ben freddo potrete comporre il dolce. Come prima cosa dovrete eliminare la crosticina esterna da entrambi i Pan di Spagna, prima dai bordi, poi dalla parte superiore e in ultimo anche dalla parte inferiore. In questa fase cercate di eliminare solo la parte più scura, in modo da ridurre gli sprechi. Potete utilizzare gli scarti come indicato in fondo alla scheda ricetta. Prendete uno dei due Pan di Spagna e utilizzando un coltello lungo e seghettato, a dentatura larga, fate in modo da ricavare 3 dischi; per tagliare più regolarmente possibile il Pan di Spagna potete incidere lateralmente: due tacche da fare con il coltello seghettato per prendere la misura, quindi affondare la lama trasversalmente pian piano per ricavare il primo strato, aiutandovi girando man a mano il Pan di Spagna per realizzare un taglio omogeneo e preciso. Posizionate su un piatto il primo strato di Pan di Spagna, quindi un cerchio da pasticceria (potete anche farcire la torta senza): utilizzando un cucchiaio spargete su tutta la superficie del disco la bagna preparata precedentemente e lasciata intiepidire. Unite ora circa 1/4 della crema e livellatela con una spatola. Inserite il secondo disco nel cerchio bagnate nuovamente e coprite con un altro strato di crema come fatto nello step precedente. A questo punto inserite anche l’ultimo disco e inzuppatelo nuovamente con la bagna rimasta. Aggiungete ancora uno strato di crema, tenendone da parte un po’ che servirà per i bordi. Livellate in maniera omogenea. Prendete anche il secondo Pan di Spagna e tagliatelo a fette in senso verticale poi da ciascuna ricavate dei cubetti piuttosto piccoli e riponeteli in una ciotolina. Sfilate delicatamente il disco dalla torta mimosa e utilizzate la crema rimasta per ricoprire i bordi della torta, aiutandovi con la spatola.  Aiutandovi con un cucchiaio spargete su tutta la superficie i cubetti di pan di Spagna ricoprendo con cura anche i bordi: i cubetti si attaccheranno facilmente alla crema diplomatica Una volta ricoperta accuratamente tutta la superficie riponete la torta in frigorifero per un paio d’ore. Al momento di servire, spolverizzate con lo zucchero a velo la vostra torta mimosa classica.

Crostata di grano saraceno con ricotta di pecora e salsa di uva fragola.

Ingredienti: 150 gr di farina grano saraceno; 150 gr di farina 00; 100 gr di zucchero; 160 gr di burro; 1 uovo intero; 1 tuorlo; sale q.b; scorza di limone grattugiata; 200 gr di ricotta di pecora; 300 gr di uva fragola, una bustina di zucchero a velo, buccia limone grattugiata, 350 gr zucchero semolato.

Impastare la frolla con tutti gli ingredienti e posizionarla a misura sulle formine singole, che vanno cotte in forno a 180°-200° dopo aver punzecchiato il fondo con una forchetta. Nel frattempo, lavorare la ricotta di pecora con lo zucchero a velo e la buccia di limone grattugiata. Per la salsa,creare una composta con il succo l’uva fragola passata al passaverdura e setacciata con lo zucchero semolato. Una volta che tutti gli elementi sono cotti, impiattare, farcendo le formine di frolla con la ricotta di pecora e affiancandole con la salsa di uva fragola.

Paeta al malgaragno (Tacchinella al melograno)

Ingredienti: 1 tacchinella già pulita da circa 1,8 kg; 80 g di pancetta a fettine; 4 melograni; 200 g di salsiccia; 1 mazzetto di salvia; 3 arance non trattate; 1 cipolla media; 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva; sale e pepe.

Preparate  la tacchinella. Bruciacchiate la tacchinella sul fuoco, per eliminare l’eventuale peluria rimasta, poi lavalatela e asciugatela. Fate il ripieno. Sbucciate e tritate la cipolla, spellate la salsiccia e sminuzzatela con una forchetta. Fate imbiondire la cipolla con l’olio in una padella antiaderente, aggiungete la salsiccia, mescolate, fate cuocere per 10 minuti a fuoco medio e insaporite con qualche foglia di salvia lavata e sminuzzata. Fasciate la tacchinella. Farcite la tacchinella con il composto preparato, quindi avvolgetene il petto con le fette di pancetta e legatela con filo da cucina. Fate cuocere nel forno. Sistemate la tacchinella in una pirofila, salatela, pepatela e bagnatela con il succo di 2 melograni. Infornatela a 200 °C per circa 1 ora e 1/2, bagnandola con il sugo di cottura e rigirandola per ottenere una cottura più uniforme. Sgranate i melograni rimasti; tagliate a metà le arance, svuotatele senza rovinare la scorza e riempitele con i chicchi di melograno bagnati con un po’ di sugo di cottura. Sfornate e servite. Togliete la tacchinella al melograno dal forno, eliminate lo spago e disponetela su di un piatto da portata, contornatela con le mezze arance e ciuffetti di salvia.