Territorio

Formaggi, verdure dell’orto, frutta dal brolo

formaggi_00

La seconda serata del ciclo “Cibus in Itinere” sarà caratterizzata dallo studio e dalla preparazione di ingredienti a chilometro Zero. “Alpeggi, valli e broli”, questo il titolo dell’appuntamento, darà spazio quindi ai formaggi che vengono prodotti freschi nelle malghe, dove il bestiame soggiorna durante l’estate e il latte si arricchisce dei profumi delle erbe di campo. Dallo stesso latte, dell’anno precedente, vengono apprezzati i formaggi stagionati che racchiudono in sè tutto l’aroma della montagna. Insieme a quelli a pasta pressata che i contadini tenevano per sè tutto l’anno. A fianco, le verdure che l’orto regala in questo periodo, come verze o broccoli, piccole miniere verdi di bontà che ben si abbinano con la carne sapida e sostanziosa dell’oca o dell’anatra muta, allevati in casa. Adesso è facile cogliere cachi e melograni, che occhieggiano come piccoli soli tra le piante del brolo. Mentre la collina, subito a ridosso, concede castagne e funghi per golose preparazioni.

Protagonisti i prodotti del territorio.

riso_vino

Le materie prime sono le protagoniste della serata che inizia il ciclo delle Buone Tavole dei Berici intitolato “Cibus in itinere”. E proprio le materie prime “parleranno” nei piatti che verranno preparati per la serata inaugurale dal titolo evocativo “Da Venere a Bacco. I colori del cibo”. Ma le materie prime parleranno anche attraverso l’intervento dei loro produttori. Perciò il riso vialone nano racconterà la sua storia attraverso la presenza e le parole di Paolo Pavan, titolare della Riseria delle Abbadesse. Oppure il Tai rosso dei Berici sarà illustrato e spiegato dal vignaiolo che lo produce, come Cavazza. Questo perchè terra e frutti della terra vivono e respirano insieme, curati e seguiti dalla mano dell’uomo. E spesso, non si conosce l’impegno e la fatica degli uomini che stanno dietro alla coltivazione o alla produzione di un alimento. “Cibus in itinere” sarà un modo per avvicinarsi anche alle quinte di quel meraviglioso palcoscenico che è il nostro territorio.

Ottobre. Festa della Madonna del Rosario.

beata_vergine_del_rosario_e_san_domenico

La Festa della Madonna del Rosario è una delle più tradizionali e importanti celebrazioni del culto di Maria Vergine che si tiene il 7 ottobre di ogni anno. La Festa fu istituita con il nome di Madonna della Vittoria da papa Pio V a perenne ricordo della battaglia di Lepanto, svoltasi il 7 ottobre 1571, nella quale la flotta della Lega Santa (formata da Spagna, Repubblica di Venezia e Stato della Chiesa) sconfisse quella dell’Impero Ottomano. Il successore, papa Gregorio XIII, la trasformò in Festa della Madonna del Rosario. I cristiani attribuirono la vittoria alla protezione di Maria che avevano invocato recitando il Rosario prima della battaglia. La Madonna nell’iconografia classica è rappresentata con una veste azzurra e una corona del Rosario fra le mani e la sua immagine è stata così tramandata da San Domenico, al quale apparse in quel di Prouville, in Francia, in uno dei primi conventi da lui fondati.