Storia

Tutto ha inizio nel 1981. L’anno in cui i ristoranti Miramonti, Isetta, Zamboni e Penacio si trovano a collaborare per un’iniziativa organizzata dalla Pro Loco di Nanto. Gli chef scoprono di avere identità e obiettivi comuni: si radica in loro la volontà di costruire qualcosa insieme per promuovere cucina e territorio, i Colli Berici, con un’unica forza propulsiva. Nel 1986 si unisce a loro anche il ristorante Primon. E altri importanti tasselli si congiungono per formare il magnifico puzzle delle Buone Tavole dei Berici: le trattorie Al Sole e Toni Cuco. Un percorso compiuto assieme nel nome del territorio, fatto di spiedo o di bacalà, di broccolo fiolaro o di bisi di Lumignano, di scorzone dei Colli piuttosto che di raperonzoli. Ma sempre con una visione aperta sul mondo, una ricerca dell’innovazione e una disponibilità all’evoluzione. Una filosofia e uno stile che colpiscono anche Gianfranco Vissani, chef definito dalla critica tra i migliori in Italia, il quale nel 1996 ha voluto dare alle Buone Tavole dei Berici il proprio imprimatur. E l’avventura continua, nel segno  di una collaborazione costante e affiatata,  attraverso serate a tema dedicate alla scoperta e alla valorizzazione dei prodotti del territorio, scelti secondo stagione per una cucina alla continua e profonda ricerca culturale delle proprie radici. La formula degli eventi enogastronomici ha inizio nel 2005: di volta in volta in un ristorante diverso del gruppo, dove ogni ristoratore è artefice di un piatto del menù. Ogni portata una impronta diversa, un profumo del territorio. Ogni anno si ricomincia, con nuovo entusiasmo e nuove idee per ritrovarsi attorno a quello stesso fornello che ha cementato amicizia e impegno. Infine, un pensiero va a Severino Trentin del Ristorante Zamboni e Galdino Gianesin del Risorante Isetta. Tra i fondatori delle Buone Tavole dei Berici, hanno lasciato l’eredità di saggezza, emozione e creatività che solo i grandi cuochi sanno possedere. Entrambi rimarranno pietre miliari nel percorso del Gruppo, esempi luminosi di una cucina semplice, ma ricca e talmente radicata nel territorio da farne intimamente parte.

Schermata 2015-09-22 a 09.07.59